Gubbio e il settimo Campanone

Breve e generica visita ad alcuni dei principali luoghi caratteristici di Gubbio (PG). Oggetto principale del filmato è la suonata tradizionale del Campanone del Palazzo dei Consoli avvenuta per i festeggiamenti del patrono Sant'Ubaldo.


Gubbio e il settimo Campanone

Il "settimo Campanone", fuso il 30 Ottobre 1769 sotto gli Arconi di Piazza Grande dal professore Giovanni Battista Donati di Aquila, fu poi sollevato da Piazza Grande alla torretta il 20 marzo 1770. Il suo peso è 19,66 quintali, più il battaglio ("batoccolo") 114 Kg; il diametro è 1.43 m, altezza 1.52 m. Il ciglio del campanone dista il muro della torretta solo 7 cm. Suona la nota DO.

Intorno al campanone è impressa una iscrizione in latino che, oltre a ricordare gli autori e la data di fusione, contiene la preghiera: "Il Signore nostro Gesù Cristo per intercessione della Santissima Concezione della Beata Maria Vergine e dei Santi Giovanni e Ubaldo liberi questa città dal flagello del terremoto, dal fulmine e dalla tempesta e da ogni male, Amen". Nell'iscrizione sono accomunati tutti e tre i Patroni di Gubbio.

Da tener presente che tale campana "laica" è un'eccezione: nei documenti del 1700 si dice che "fu resa suonabile alla stesa, cosa non più addietro praticata". Quindi non era affatto comune che una campana laica suonasse a distesa (cosa invece diffusa per i bronzi "religiosi").

Le altre due campane presenti nella cella, la "Piccola" e la "Mezzana", sono di epoche diverse: la "Piccola" è più vecchia dello stesso Palazzo dei Consoli, essendo stata fusa nel 1289; forse proveniva dal vecchio Palazzo del Comune. Ora è collocata sotto l'arcata che guarda il monte Ingino.

La "Mezzana" è del 1678, ed è sistemata sotto l'arcata che guarda la pianura. Insieme alla "Piccola" costituisce l'accordo del Campanone a due campane (il "doppio") che i campanari si tramandano di generazione in generazione.

Vi è una quarta campana posta alla sommità della torretta; oggi non è più utilizzata ma un tempo veniva percossa a martello per avvisare dell'inizio delle lezioni scolastiche (da questo deriva il suo nomignolo "Scoletta"). Venne fusa nel 1342 ed è di nota La calante.

Elenco dei campanoni fusi prima di quello attuale:

1° - 1380, fonditore ignoto;

2° - Gennaio 1446, fonditore ignoto;

3° - 5 Novembre 1503, Matteo Nicolai da Sant'Angelo in Vado;

4° - 11 Febbraio 1582, Giuseppe Compiani di Fermo;

5° - 15 giugno 1716, Antonio de Nicolai e Giovanni de Galantis;

6° - 15 Luglio 1766, Giulio Casali di Ancona.

CHRISTIANSXXIX

ChristiansXXIX (24-05-2016)

  • GUBBIO: Campanes, campaners i tocs
  • COMPAGNIA DEI CAMPANARI DEL PALAZZO DEI CONSOLI (GUBBIO) : Tocs i altres activitats
  • Tocs manuals de campanes: Bibliografia

     

  • Tornar cap enrere
  • Menu inicial CAMPANERS DE LA CATEDRAL DE VALÈNCIA
    Campaners de la Catedral de València
    © ChristiansXXIX (2016)
    © Campaners de la Catedral de València (2020)
    campaners@hotmail.com
    : 24-11-2020
    Convertir a PDF